“La terra morente” e Jack Vance: topos della letteratura fantastica – Pt. 1

Pubblichiamo oggi la prima parte di un intervento di Sergio Vivaldi  – tra i relatori del Sublime Simposio organizzato da Vanni Santoni – alla convention Stranimondi dell’ottobre scorso. Si tratta di una profonda e preziosa analisi de La terra morente di Jack Vance, opera magistrale della letteratura fantastica.

 

La Terra Morente è un’ambientazione ibrida, a metà tra fantastico e fantascienza, con una lunga storia che precede Jack Vance. Già La Macchina del Tempo di H. G. Wells si chiudeva con l’immagine di una Terra alla fine dei suoi giorni, e per questo ne viene considerato un precursore. Non si tratta di distopie post-apocalittiche, non ci sono le conseguenze di una catastrofe – politica o naturale o entrambe – da affrontare. Il mondo esiste in un futuro lontanissimo, in cui il tempo si è esaurito. Continua a leggere

Conversazione faceta con colui che ha scritto Cometa

Andrea Zandomeneghi – co-direttore di CrapulaClub – ha incontrato Gregorio Magini, autore di Cometa per Neo Edizioni. Lo ha intervistato, e noi dell’Ircocervo ospitiamo questa intervista con grande piacere.

AZ) Ciao Gregorio, anzitutto grazie di aver accettato quest’intervista. Come sta andando il libro, la tua ultima fatica, Cometa, per i tipi Neo? Che risposte stai avendo dai lettori, che aria si respira alle tue presentazioni? Continua a leggere