“Gli animali che amiamo”, un assurdo viaggio onirico tra strane bestie e profondità marine

Gli animali che amiamo, Antoine Volodine

(66thand2nd)

 

Gli animali che amiamo rappresenta innanzi tutto una grande sfida alle capacità del vocabolario italiano: non possiamo definirlo attraverso nessuna categoria riconosciuta, lungi dal trattarsi tanto di un romanzo quanto di una raccolta di racconti, non è un saggio e nemmeno una poesia, ma un’improbabile miscellanea di tutte e quattro le forme letterarie. L’opera di Volodine è un viaggio onirico, un delirio quasi coerente, una carnevalesca sfilata di bestie, un assurdo trattato sulla fine dei tempi e un presagio apocalittico impresso su carta. Continua a leggere