Siamo fatti di solo sangue e violenza

La nuova violenza illustrata, Nanni Balestrini
(2019, Bollati Boringhieri)

copertinaLa nuova violenza illustrata è il tassello finale dell’attività poetica del compianto Nanni Balestrini, venuto a mancare lo scorso maggio. Questa estrema testimonianza costituisce, nella mente del poeta, il proseguimento ideale e definitivo del suo La violenza illustrata, risalente al 1976 (ritoccato da Balestrini in due successive edizioni, nel 2001 e nel 2011). Dieci componimenti, composti tra il 2012 e il 2018, pubblicati separatamente in varie sedi, ora raccolte in un progetto editoriale che vanta la curatela di Andrea Cortellessa. Continua a leggere

Chi legge fa male anche a te: digli di smettere. L’ipotesi inquietante di Giacomo Papi

Giacomo Papi, Il censimento dei radical chic
(Feltrinelli, 2019)

censimento 3

«Il primo lo ammazzarono a bastonate perché aveva citato Spinoza durante un talk show». In copertina una chiazza di sangue si allarga sotto una poltrona; dalla poltrona spunta una mano che stringe ancora un libro color pastello, ragionevolmente Adelphi: è l’assaggio che offre di sé Il censimento dei radical chic, romanzo di Giacomo Papi uscito per Feltrinelli a febbraio, a chi si aggira distrattamente tra gli scaffali di un libreria. Continua a leggere

Governare la rivoluzione del nostro tempo: il digitale secondo Baricco

The Game, Alessandro Baricco
(Einaudi, 2018)

 

baricco

Leggendo un qualunque scambio di tweet fra Trump e Kim Jong Un il primo pensiero che romba nella testa di tutti è quello del disastro nucleare; tuttavia ne potrebbe sorgere anche un altro, più subdolo, che suonerebbe così: “non è che le recenti innovazioni tecnologiche ci hanno spinto, a nostra insaputa, a gestire la politica estera con i 280 caratteri di Twitter?” Continua a leggere

Proseguono le cronache del grande show di Baricco con “Il nuovo Barnum”

Il nuovo Barnum – Alessandro Baricco
(Feltrinelli)

9788807492037_quartaDa qualche mese è in libreria l’ultima pubblicazione di Alessandro Baricco per Feltrinelli, Il nuovo Barnum, terzo volume dopo una coppia di omonimi. L’idea di fondo di questo format inedito e affascinante è rimasta la stessa per tutt’e tre le volte: all’interno ci si ritrova davanti a una miscellanea di articoli di giornale apparsi ora su Wired e ora su La Repubblica, e tutti riferibili contemporaneamente al giornalismo, alla letteratura e a un nucleo che ha a che fare essenzialmente con l’esistenza.

L’ordine di apparizione della singola materia trattata non è di sicuro quello cronologico. A volte sembra consequenziale, a volte contrastivo, a volte buffo, a volte assurdo, a volte casuale e nulla più.

Continua a leggere