“Teoria dell’eteronomia”, o le innumerevoli solitudini di Fernando Pessoa

Teoria dell’eteronomia, Fernando Pessoa
(Quodlibet, 2020 – Trad. V. Russo)

Accade a volte che i nomi, entità convenzionali par excellence, rappresentino con estrema precisione la natura delle cose che indicano. È il caso di Fernando Pessoa, grande scrittore portoghese del Novecento, il cui nome racchiude forse tutto il suo segreto: in portoghese “pessoa” significa infatti “persona”. Ed egli fu proprio questo: un creatore di persone, in particolare di scrittori. Álvaro de Campos, Ricardo Reis, Alberto Caeiro, Antonio Moira, sono solo alcuni dei suoi innumerevoli eteronimi, autori di cui Pessoa inventò di sana pianta la biografia e di cui scrisse le opere, spesso non condividendone né lo stile né tantomeno le idee. Teoria dell’eteronomia, tradotta da Vincenzo Russo e pubblicata da Quodlibet, raccoglie tutti i frammenti del poeta su questa particolarissima pratica letteraria. 

Continua a leggere

“Modi incompiuti di morire”: storia di una vita incompiuta

Modi incompiuti di morire, André Timm
(Tuga edizioni, 2019)

coverSantiago ha tredici anni e vive con i genitori in un piccolo paese. Ha un migliore amico di nome Lupi e una migliore amica, Agnes. Frequenta la scuola, pratica il nuoto (più per obbligo che per vera passione). Eppure, nelle prime pagine di Modi incompiuti di morire lo vediamo rubare la pistola del padre con l’intento di uccidersi, ed è solo un attacco di sonno a impedirgli di mettere in atto il suo piano. Continua a leggere