L’ircocervo n.7 è online

Viviamo ormai un tempo in cui tutto è narrazione, dalla politica alla pubblicità. Abbiamo narrazioni ovunque, a buon mercato, in formati d’ogni tipo. Finiamo per essere assuefatti e non prestar più attenzione al valore che ha una storia, una buona storia; a tutto quel che contiene; al modo in cui le storie possono, in alcuni casi, cambiare la nostra. Siamo diventati una civiltà quando abbiamo iniziato a raccontare storie e poi a metterle per iscritto. Pensiamo al futuro come a una pagina da scrivere, alla nostra vita come a un romanzo. Attribuiamo al mondo una forma libri, perché, in fondo, tutti noi siamo storie che attendono solo d’essere raccontate.

Qui vi consegniamo le nostre, in testo e immagini. Sei racconti che racchiudono l’universo interiore di chi li ha scritti e li ha illustrati, a cui sono legate memorie, urgenze, inquietudini, speranze; e il desiderio che trovino dei lettori ed entrino in risonanza con loro. Lo stesso vale anche per noi, che li abbiamo letti e selezionati. Ci siamo emozionati. E poi ancora, lavorandoci con gli autori, abbiamo reso quelle storie un poco anche le nostre. Adesso le consegniamo a chi vorrà ascoltarle: potete apprezzarle o meno, ma abbiatene cura comunque. Ogni storia è un essere umano, ogni storia è un universo: fragile e preziosa, in costante espansione.

In Ouverture pubblichiamo con orgoglio uno scrittore del calibro di Filippo Tuena. Il nome ci porta per le strade di Roma, nel 1944, a seguire le tracce del partigiano Aladino Govoni. Utilizzando i pochi documenti a disposizione, Tuena dissotterra dall’oblio della Storia una vicenda che ancora chiedeva d’essere raccontata. Il risultato è un racconto eccezionale, un nuovo, importante tassello nella letteratura italiana della Resistenza.

Desertificazione di Piergiorgio Caserini è uno di quei racconti che ha l’incredibile capacità di descrivere luoghi del tutto nuovi, fantastici e sublimi, che in nulla ricordano scenari già letti. I deserti di Acrirca, come l’oceano di Solaris ideato da Lem, sembrano possedere una propria coscienza: è la natura che si fa antagonista dell’uomo. Lo capirà sulla propria pelle una spedizione di cartografi, esploratori e geologi, inviata a tracciare i confini e scoprire i segreti di quelle terre straordinarie e mortifere.

In Zeronegativo, un episodio banale come mangiarsi la pellicina delle unghie porterà a una serie sempre più clamorosa di conseguenze. Agostino Arciuolo, attraverso la voce solida e impetuosa di uno studente, mescola il serio e il faceto, il reale e il paradossale, la bizzarria e l’indagine filosofica, restituendoci il ritratto di una generazione insicura e impaurita, debole e sola, che sembra poter trovare nell’autofagia un’impensabile panacea.

Per i racconti erranti ci trasferiamo in Spagna con Mia madre alla finestra. Luisa Castro scava in profondità, con candore e dolcezza, nel rapporto di silenzi e delusioni di una bambina con sua madre. Un tuffo nell’età tormentata dell’infanzia; una riflessione sul legame che unisce i figli ai genitori, spogliata di ogni visione romantica della maternità, e proprio per questo toccante.

In Bianca, sottile, traslucida, un uomo torna col padre alla casa di montagna della sua infanzia e la trova ormai ridotta a un rudere. Ha inizio così un viaggio nella memoria, il ricordo delle estati che vi aveva trascorso a partire dagli anni Cinquanta. Carlo Ceccarelli porta il lettore in un tempo ormai estinto, autentico e ricco di incanto, e riesce nell’importante compito di rendere universale un’esperienza personale.

L’upupa è la storia di una famiglia di pittori piuttosto originale. L’idillio tra i genitori del narratore, sancito dalla passione per l’arte, viene complicato proprio dalla fame di successo e dalla logorante attesa di veder riconosciuto il proprio talento. Domenico Santoro ha scritto un racconto maturo e complesso, dall’atmosfera suggestiva e indimenticabile, nel quale l’arte diventa territorio in cui si nidifica un rapporto di forza insano e distruttivo.

Trovate il numero QUI. Potete scaricare il PDF o sfogliarlo su ISSUU.

Buona lettura.

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...