Raccontare “la vergogna” di un trauma indelebile

La vergogna, di Annie Ernaux
(L’orma editore, 2018 – trad. di L. Flabbi) 

 

la vergogna“Mio padre ha voluto uccidere mia madre una domenica di giugno, nel primo pomeriggio”. È con questa sentenza lapidaria che Annie Ernaux avvia la narrazione della sua opera autobiografica. Il romanzo (se così lo si può definire) prende le mosse da un episodio di violenza domestica – mai sfociato in un vero e proprio omicidio, pur essendoci andato vicino – vissuto dall’autrice come uno spartiacque tra l’età infantile e la vita adulta. Continua a leggere

Pensare con la propria testa: quanto è costato a Tara Westover

L’educazione, Tara Westover
(Feltrinelli 2018 – Trad. S. R. Sperti)

educazioneNel 2018 una sorta di caso letterario si è verificato negli Stati Uniti. La giovane scrittrice Tara Westover ha raggiunto con il suo primo romanzo una notorietà straordinaria e numerosi riconoscimenti; L’educazione, pubblicato in Italia da Feltrinelli, è tradotto in decine di lingue.

L’educazione è un’autobiografia: la protagonista è Tara Westover, nata e cresciuta nell’Idaho in una famiglia di mormoni oltranzisti, impegnati in una lotta secolare contro lo Stato nell’attesa dei Giorni dell’Abominio. Continua a leggere

“Una donna” di Annie Ernaux: quando la vita si fa letteratura

Una donna, Annie Ernaux
(L’orma Editore, 2018 – Trad. L. Flabbi )

 

una donna ernaux

Finalmente in libreria l’ultimo romanzo di Annie Ernaux, Una donna, sempre tradotto da Lorenzo Flabbi per L’orma Editore. La donna del titolo è una madre, è una donna del secolo scorso, prima operaia in una fabbrica poi proprietaria di un negozio di alimentari. E la sua è una storia come tante di emancipazione, di riscatto dal mondo proletario, costi quel che costi, anche se le sofferenze da ingoiare sono tante. Per se stessa, per la figlia.

La Ernaux, che ormai si è consacrata come una delle maggiori autrici francesi del panorama contemporaneo, torna con un romanzo autobiografico, questa volta incentrato sulla figura della madre, ma come sempre di ampio respiro, dove l’esperienza individuale diventa universale. Continua a leggere

“Parla mia paura”, il nuovo vibrante romanzo di Simona Vinci

Parla mia paura – Simona Vinci
(Einaudi)

7895960_2695534Simona Vinci è tornata in libreria lo scorso 19 settembre con Parla mia paura, già in ristampa con Einaudi Stile Libero. Si tratta di una storia insolita per l’autrice, che normalmente non ama scrivere in prima persona né soffermarsi su dettagli personali, e che in questo caso si è invece fatta portavoce di una testimonianza autobiografica complessa.

Il romanzo, infatti, è il completamento de La prima verità, opera con cui la scrittrice ha vinto il Premio Campiello nel 2016 e di cui la nuova pubblicazione rappresenta un cambio di prospettiva interessante, fondato sulle parti tagliate fuori dalla storia precedente.

Continua a leggere